Home >> Erbe officinali

Proprietà della boswellia serrata

Tutte le proprietà, le controindicazioni e i benefici della boswellia serrata

14/2/2017 |
boswellia serrata

La Boswellia Serrata è una pianta originaria dell’India che produce la resina profumata conosciuta anche come incenso ed è un elemento centrale della medicina ayurvedica per le sue proprietà antinfiammatorie. Proprio per questo è utilizzata per la cura di patologie croniche di tipo infiammatorio, prima fra tutte l’artrite reumatoide e anche le forme di artrite meno gravi. E ancora, ne traggono beneficio malattie cardiovascolari e neurologiche, perché la pianta dell’incenso è anche analgesica e battericida. Nell’antichità la Boswellia era nota per il suo effetto narcotico, tanto che nel Talmud, il libro sacro dell’Ebraismo, si accenna all’uso della resina come pozione da aggiungere al vino per i condannati a morte, proprio per la sua capacità di stordire i sensi. Capacità che si rivela utile come lenitivo in caso di malattie dolorose come quelle di natura reumatica.

Articoli correlati


La boswellia per l’artrite reumatoide

L’antinfiammatorio presente nella resina prodotta dalla pianta si chiama acido boswellico ed è fondamentale per l’artrite reumatoide, che è una malattia infiammatoria, cronica e progressiva. Rispetto ad essa, infatti, la boswellia non solo va a sfiammare, ma anche ad attenuare il dolore, migliorando di fatto la motilità delle articolazioni. In pratica impedisce che il tessuto connettivo si deteriori a causa del processo infiammatorio e mentre svolge quest’azione già importante alleggerisce anche la percezione del dolore, grazie alla capacità di esercitare una lieve azione sedativa. Come se non bastasse, l’uso della boswelia non comporta effetti collaterali a carico delle mucose gastriche, se non quelli legati a fattori individuali; un dettaglio non da poco per persone che sono costrette ad assumere farmaci ogni giorno per riuscire a controllare il dolore e a muoversi nei limiti del possibile.

Per la cura delle malattie reumatiche può essere usato anche l’olio essenziale di boswellia, ricco di principi attivi in grado di limitare la sintesi degli autoanticorpi che l’organismo involontariamente produce e che sono alla base delle patologie autoimmuni. E in generale l’olio di incenso è adatto in tutti i casi in cui le articolazioni sono doloranti, per vari motivi.

La boswellia contro il colesterolo

Alla boswellia è riconosciuta la capacità di abbassare i livelli del colesterolo nel sangue e nel fegato. Di conseguenza si riduce anche il colesterolo totale, con ripercussioni dirette sulla salute del cuore. La boswellia diventa così efficace anche per la prevenzione della malattie cardiovascolari di cui il colesterolo alto è spesso l’anticamera e si può utilizzare per una cura ad hoc nel caso di persone con il colesterolo già un po’ alto o anche con problemi di ipertensione. L’indicazione medica è fondamentale in questo caso, per evitare interazioni con altri farmaci e valutare l’effettiva necessità di una cura preventiva o conservativa a base di boswellia.

Boswellia per le infiammazioni

Non solo artrite reumatoide. Anche altri tipi di infiammazioni possono beneficiare delle proprietà ‘sfiammanti’ della boswellia: per prime quelle che colpiscono a vario titolo le articolazioni, con malattie degenerative come l’artrite reumatoide o con disturbi localizzati. Poi c’è il caso in cui si avvertono difficoltà in momenti particolari della giornata, ad esempio al risveglio o quando ci si deve alzare dopo essere stati seduti a lungo, e ancora i dolori articolari e/o muscolari dovuti ad attività fisica intensa. Il motivo per cui la boswellia si rivela efficace per patologie così diverse risiede proprio nella sua natura di antinfiammatorio naturale che viene completata dall’azione sedativa, utilissima per calmare il dolore in attesa che l’infiammazione rientri. In questi casi si può ricorrere all’assunzione orale o all’applicazione locale, consigliata soprattutto per i muscoli doloranti.

Boswellia per la pelle

L’acido boswellico ha la capacità di mantenere la pelle elastica perché aumenta la produzione del collagene e dell’elastina, entrambi costituenti del tessuto connettivo. Si dimostra quindi utile per contrastare i segni dell’età e rallentare l’invecchiamento cutaneo, soprattutto per la pelle del corpo. Diversi studi hanno inoltre indagato il ruolo dell’acido boswellico nella prevenzione delle smagliature, che si presentano quando l’epidermide è affetta da secchezza e scarsa idratazione. Le smagliature non si curano né cancellano, ma la boswellia offre un’opportunità concreta di rinforzare i tessuti cutanei in modo da prevenirle.

Come usare la boswellia

La boswellia si può utilizzare come compressa, tintura madre o pomata. In versione compressa è indicata soprattutto per l’artrite reumatoide, in quanto permette una cura mirata sulla malattia. E in generale si ricorre agli integratori solo quanto dall’applicazione topica non può derivare beneficio: anche per la tintura madre è lo stesso. Questa in particolare va assunta disciolta nell’acqua lontano dai pasti, per un massimo di due somministrazioni al giorno. Per quanto riguarda invece l’utilizzo locale, la boswellia è disponibile sotto forma di crema, unguento o pomata, da spalmare direttamente sull’area dolorante ripetendo l’operazione due o tre volte al giorno, con un leggero massaggio teso a far assorbire alla pelle i principi attivi della pianta. A volte viene usato anche l’olio essenziale che si estrae dalla boswellia, conosciuto anche come olio d’incenso: puro nn si applica sulla pelle, deve essere mediato da un olio essenziale neutro, altrimenti si può utilizzare un olio già confezionato e lavorato in modo da non risultare troppo aggressivo per l’epidermide.

Controindicazioni

Non esistono controindicazioni specifiche legate all’utilizzo della boswellia, ma solo effetti collaterali che possono presentarsi a fronte del consumo, soprattutto se prolungato. I più comuni sono quelli a carico dell’apparato gastro-intestinale, come diarrea nausea e vomito; meno frequenti le reazioni cutanee, che scompaiono velocemente con una pomata antinfiammatoria. Bisogna necessariamente fare riferimento al medico, soprattutto nel caso in cui si assumano già dei farmaci che potrebbero dar luogo a interazioni.



Erboristeria online

Rodiola.info è un sito di erboristeria, prodotti erboristici, informazioni salutistiche.

Rimedi naturali