Come combattere lo stress con i rimedi naturali

Lo stress colpisce prima o poi la quasi totalità delle persone. Vediamo alcuni rimedi per combatterlo in modo naturale


Postato il: 07/11/2013


Lo stress è un disturbo sfuggente, difficile da classificare se non in casi estremi in cui i disturbi si manifestano a livello pisco-fisico in modo evidente. Non è facile individuarne la causa in modo netto, a meno che non si tratti di un avvenimento ben preciso, come un lutto, la perdita del lavoro o un disagio economico. In questi casi si può ricorrere a tutta una serie di rimedi fitoterapici e omeopatici tesi ad agire come calmanti sul sistema nervoso e a stimolare il benessere e il pensiero positivo. Del resto le situazioni che possono causare stress sono molteplici e abbracciano la vita di una persona a 360°: problemi personali o di lavoro, relazioni affettive o disagio interiore, stanchezza, insoddisfazione sul lavoro …. tutto può essere fonte di stress. Per fortuna anche i rimedi naturali non mancano.

Come curare lo stress

Una credenza popolare da sfatare è che la cura migliore per lo stress sia il riposo. Non è così, anche se ovviamente a fronte di un affaticamento mentale e/o fisico fa senz’altro bene prendersela con calma. Ma senza esagerare, perché il riposo eccessivo può indurre in pensieri negativi e in una sorta di ripiegamento in se stessi. Il contatto con la gente e soprattutto situazioni ed esperienze nuove sono l’antidoto migliore contro i mali dello stress che colpiscono la psiche e portano tristezza e sconforto.

La cura dello stress passa in primo luogo attraverso l’attenzione per se stessi e la capacità di ritagliarsi dei momenti in cui lasciare il mondo fuori dalla porta. Fermarsi un attimo e ricordarsi di esistere, anche con cose semplici, come fare la doccia più a lungo del solito o mangiare un dolcetto al cioccolato o leggere un buon libro … qualunque cosa possa servire a riconciliarci con il mondo in modo del tutto personale.

Altra carta vincente contro lo stress è l’attività fisica. Chi ama lo sport è avvantaggiato, perché può scaricarsi con frequenza semplicemente praticando una disciplina sportiva che gli piace: i classici due piccioni con una fava. Chi invece non lo ama ci potrebbe provare, ma senza forzarsi, altrimenti correrebbe il rischio di generare altro stress proprio mentre cerca di allontanarlo.

I rimedi naturali contro lo stress
Per contrastare lo stress con i rimedi naturali, la forma migliore è quella dell’infuso.  Gli infusi a base di erbe si preparano in modo semplice e veloce, sia con le foglie fresche della pianta che con l’estratto secco o con le bustine già pronte. Le bustine presentano peraltro il vantaggio di poter essere portate anche in ufficio, se si ha la possibilità di usare un bollitore, così da sorbire un buon infuso calmante anche a lavoro, soprattutto se si vive quotidianamente una situazione stressante.

Tra le piante utili per la cura dello stress troviamo in prima fila la camomilla, che nell’immaginario comune rappresenta il calmante per eccellenza. A tutti è capitato almeno una volta nella vita di bere una tazza di camomilla prima o dopo una situazione difficile e di riporre in essa ogni speranza. La camomilla ha infatti il potere di distendere i nervi e rilassare, sia la mente che il corpo (non a caso viene usata per tutte le patologie che richiedono il rilassamento muscolare).
Sulla stessa lunghezza d’onda della camomilla troviamo la melissa e il tiglio, entrambi in veste di moderatori dell’ansia e dello stress. I tre – camomilla, melissa e tiglio – possono coesistere con successo, perché ognuna completa l’azione dell’altra, e insieme sono davvero di aiuto per lo stress, soprattutto da ansia e da insonnia.

Altro trio di tutto rispetto è quello formato da iperico, passiflora e valeriana. Se le altre erbe favoriscono soprattutto il rilassamento, queste tre sono coinvolte nella cura di altri eventuali disturbi correlati allo stress. E’ il caso dell’iperico, attivo nella produzione della melatonina; della passiflora, con la sua azione ansiolitica; della valeriana, perfetta per allontanare le tensioni dal corpo e dalla mente.

L’iperico è particolarmente importante, in quanto la melatonina è fondamentale per dormire bene e grazie all’iperico ne viene incrementata la produzione durante la notte.  E’ preferibile non mischiare l’iperico, la passiflora e la valeriana, mentre la camomilla il tiglio e la melissa possono essere abbinate senza problemi, se non per il sapore.

Di seguito una breve descrizione delle erbe:
Iperico.  L’iperico stimola la produzione di melatonina, il che si ripercuote positivamente sulla qualità del sonno. Un infuso a base di iperico è infatti consigliabile non tanto per chi fatica ad addormentarsi, quanto per chi non gode di sonni tranquilli.

Passiflora.  La passiflora è una sorta di antidepressivo naturale ed è l’ideale per chi soffre di disturbi del sistema nervoso, disturbi più seri del generico stress. La passiflora non va assunta senza indicazione medica, perché svolge un’azione ansiolitica.

Valeriana
.  La valeriana è nota per le sue proprietà calmanti, un po’ come la camomilla. Una tisana a base di valeriana è l’ideale in qualunque momento della giornata, quando si avverte la necessità di tranquillizzarsi, per un evento che deve verificarsi o per uno stress momentaneo.

Un cenno a parte merita il biancospino, a cui è riconosciuta la capacità di calmare i nervi e regolarizzare l’attività cardiaca. Una proprietà non indifferente se si considera che il cuore e la pressione sono i primi a trovarsi a rischio nei casi di stress prolungato o molto forte. Data l’importanza dei sintomi a cui è rivolta, l’assunzione del biancospino deve essere necessariamente mediata dal medico curante.

Infine, gli oli essenziali. Ne consigliamo tre, da aggiungere all’acqua del bagno o diffondere nell’ambiente tramite diffusore. L’olio essenziale di lavanda e di camomilla, ricchi di proprietà rilassanti, e l’olio di mandorle dolci, da versare nella vasca o massaggiare direttamente sulla pelle.

I cibi contro lo stress
Anche l’alimentazione scende in campo contro lo stress, con una selezione ragionata dei cibi eccitanti e di quelli che invece possono favorire la riduzione dello stress. Di seguito due esempi
Tra gli alimenti da evitare spicca la caffeina, tra quelli da prediligere le arance. La caffeina va evitata perché è eccitante e nemica del sonno; chi non può farne a meno deve ridurne il consumo al minimo indispensabile, e sempre lontano dal momento di andare al letto, in modo che l’organismo possa avere il tempo di smaltirla un po’. Pollice verso quindi per il caffè e per la Coca Cola, che contiene una buona dose di caffeina.

Tra gli alimenti da inserire nell’alimentazione, c’è invece l’arancia. Fra tutti gli agrumi è proprio l’arancia la più ricca di vitamina C, alla quale si riconosce la capacità di ridurre il quantitativo di cortisolo nel sangue. Inserire l’arancia, i mandarini, il limone nel regime alimentare è di aiuto per abbassare il livello dello stress che si accumula nell’organismo. Allo stesso tempo, la vitamina C va a rafforzare il sistema immunitario, che a volte viene compromesso dallo stress molto alto.