Dolori mestruali e rimedi naturali

Home >> Rimedi Naturali
15/03/2013

Arrivano i dolori mestruali? Un incubo essere “donne” in quei giorni? Come affrontare la “dismenorrea” con efficaci rimedi naturali!

Cos’è la Dismenorrea?
La vita delle donne in età fertile è scandita dall’appuntamento mensile con il ciclo mestruale, un periodo di cambiamenti che interessano la mucosa dell’utero sotto il controllo di ormoni prodotti da ipotalamo, ipofisi e ovaie, la cui espressione più evidente è la mestruazione. Tale ciclo, che compare nella pubertà e continua fino alla menopausa, dura in media 28 giorni. La mestruazione, invece, che dura normalmente dai 2 ai 6 giorni, è un fenomeno fisiologico che consiste nello sfaldamento dell’endometrio e dello strato superficiale della mucosa uterina; questi vengono eliminati, una volta al mese, dai genitali esterni con emissione di sangue proveniente dall’utero.

Ecco alcuni rimedi naturali

Quasi tutte le donne, durante le mestruazioni o nei giorni precedenti, accusano sintomi di vario genere legati alle fluttuazioni ormonali di questa fase. Si parte con disturbi come senso di agitazione, stanchezza, seno dolorante e pesantezza per arrivare a fastidi della fase mestruale come dolore intenso crampi-forme nella zona addominale, nausea, vomito,diarrea, cefalea e mal di schiena.

Questa sintomatologia determinata da squilibri ormonali peculiari di questa fase è legata ad un eccesivo rilascio di prostaglandine, sostanze derivate dall’acido arachidonico che causano spasmi e contrazioni della mucosa uterina durante il flusso mestruale.
Ma ci sono momenti in cui, per alcune donne, i giorni del ciclo si trasformano in un incubo; i dolori consueti e naturali diventano spasmi e crampi lancinanti al basso ventre affiancati da dolore sordo pelvico e lombosacrale, da forte emicrania, nausea, vomito e da un senso prolungato si spossatezza fisica. In questi casi, si parla di una patologia femminile abbastanza diffusa che prende il nome di “mestruazione dolorosa o dismenorrea” e che solitamente, a causa dei sintomi prima citati, può interferire con le normali attività di una donna limitandole notevolmente.

Due forme: dismenorrea primaria e dismenorrea secondaria
La dismenorrea primaria ( fisiologica o primitiva), è una forma di mestruazione dolorosa caratterizzata da i sintomi prima descritti ma non è correlata a patologie di tipo ginecologico. I disagi sembrano dipendere solo dall’elevato rilascio di prostaglandine, sostanze ormono-simili, viste prima, che stimolano la muscolatura uterina provocando contrazioni accentuate e dolorose della stessa. Questo disturbo si manifesta qualche giorno prima delle mestruazioni ed interessa i primi giorni di ciclo; compare 6 mesi-1 anno dopo la prima mestruazione e sembra attenuarsi dopo una prima gravidanza.

La dismenorrea secondaria (organica) , a differenza della precedente, è contraddistinta da una manifestazione dolorosa molto più marcata che interessa quasi tutti i giorni del flusso mestruale. Questa forma di dismenorrea è invece collegata a patologie ginecologiche già esistenti (come endometriosi, cisti ovariche, fibromi uterini, infiammazioni pelviche, ecc) od anche a patologie non ginecologiche (come appendicite e infezioni urinarie). Compare di solito tra i 25-40 anni ed è meno diffusa della prima.

Esistono trattamenti farmacologici specifici per entrambe le forme di dismenorrea. Molti medici intervengono sulla forma primaria con farmaci analgesici-antinfiammatori che vanno utilizzati appena compare la sintomatologia per inibire gli effetti dovuti alla liberazione di prostaglandine. Quando tale terapia non ha molta efficacia, alcuni ginecologici si orientano verso il trattamento ormonale, suggerendo l’utilizzo della pillola anticoncezionale; questa grazie alla sua azione inibitoria sul rilascio prostaglandinico, regolarizza il ciclo mestruale riducendone gli effetti dolorosi.

Per quanto riguarda la seconda forma di dismenorrea, lo specialista, dopo esami diagnostici accurati, indica il tipo di terapia farmacologica o chirurgica da adottare per curare la patologia ginecologica alla base del doloroso problema.

E’ chiaro che si ricorre ad approcci terapeutici simili quando la dismenorrea diventa una patologia estremamente severa ed invalidante per alcune donne, difficile da tenere sotto controllo con altri trattamenti.

Ma numerose ricerche sottolineano che questo disturbo può manifestarsi anche in una forma più lieve e che spesso fattori psicologici e ambientali possono influenzarlo. In questi casi non è richiesto necessariamente un trattamento farmacologico o chirurgico (come nella dismenorrea secondaria) ma è possibile attenuare la sintomatologia dolorosa premestruale e mestruale ricorrendo ad efficaci “rimedi naturali” , mantenendo uno stile di vita sano e prendendoci cura del nostro organismo.

Alleviamo i sintomi della dismenorrea con 3 rimedi naturali!

1) Curiamo l’alimentazione.
Prima di tutto privilegiamo un’alimentazione sana con un bassissimo contenuto di grassi animali. Scegliamo un dieta ricca di verdure, fibre e proteine di origine vegetale che riduce notevolmente i livelli ematici di estrogeni determinando un calo del dolore mestruale. Molti studi dimostrano che mantenendo i grassi animali a livelli minimi ed aumentando il consumo di alimenti vegetali, il fegato estrae gli estrogeni dal sangue e li invia nel tubo digerente dove le fibre li assorbiranno conducendoli all’intestino per eliminarli. Per questo motivo risulta utile consumare verdure, avena, orzo, legumi e frutta in quanto ricchi di fibre.
Benefici sono anche i prodotti a base di soia che contengono “fitoestrogeni”, ossia estrogeni vegetali che diminuiscono la capacità degli estrogeni naturali di legarsi ai loro recettori consentendo così una riduzione della sintomatologia mestruale.
Anche il magnesio ha un ruolo importante perché gestisce al meglio i crampi propri del ciclo; sarà quindi vantaggioso il consumo di banane, ortaggi, cereali e frutta secca per mantenere stabile il suo apporto.
Indispensabile è l’assunzione di vitamina B6, che agisce modulando la percezione del dolore, innalzando la soglia di resistenza allo stesso e stabilizzando i livelli ormonali di estrogeni.
E non dimentichiamoci di assumere calcio, ferro e vitamine D ed E fondamentali durante il ciclo così come l’apporto di acidi grassi omega-3, che contenuti in salmone, merluzzo e sgombro, riducono l’intensità dei crampi mestruali.
Ed infine evitiamo la ritenzione di liquidi, un notevole problema di questo periodo; per cui beviamo tanta acqua, un elemento essenziale per impedire la disidratazione dell’organismo e di conseguenza la ritenzione legata all’aumento di estrogeni e progesterone dall’ovulazione ai primi giorni del ciclo.

2) Aiutiamoci con le “piante medicinali”.
Grazie all’aiuto della natura possiamo alleviare i sintomi della dismenorrea ed affrontare meglio un ciclo mestruale doloroso. Tra le soluzioni più valide ritroviamo l’aromaterapia e quindi gli olii essenziali che, utilizzati durante il bagno, nei diffusori per ambienti, per massaggi o per impacchi, donano benessere fisico ed emotivo durante il ciclo. Ecco qui quelli più utilizzati:
- olio essenziale di camomilla romana (utilizzato nella sindrome premestruale, mantiene in equilibrio i livelli di estrogeni; grazie al suo contenuto in azulene è considerato un calmante naturale ed esercita azione spasmolitica sulla muscolatura uterina).
- olii essenziali di cipresso e patchouli (riducono efficacemente la ritenzione di liquidi: in particolare quello di cipresso è ideale per stemperare senso di agitazione e irritabilità tipico di questa fase).
- olii essenziali di bergamotto, ginepro,salvia officinalis (migliorano l’umore, donano una maggiore energia fisica e limitano un eventuale senso di demotivazione legato al ciclo).
- olio essenziale di lavanda (ideale per dolori mestruali, possiede azione calmante ed equilibra i livelli ormonali).
-olio essenziale di melissa officinalis (efficace per le sue proprietà antispasmodiche e sedative).
Anche la fitoterapia può rappresentare un valido aiuto in caso di dismenorrea. E’ dimostrato che alcune sostanze contenute in specifiche piante hanno effetti benefici sulla sindrome mestruale. Ad esempio un infuso di fiori d’assenzio, fiori di camomilla e foglie di menta porterà sollievo per dolori al basso ventre, crampi addominali e nausea; alcune gocce di tintura madre di artiglio del diavolo controlleranno dolore e tensione addominale; l’hamamelis virginiana verrà utilizzata come un ideale decongestionante pelvico; l’olio di enotera (Oenothera biennis) ricco di acido gamma-linolenico agirà come potente agente antinfiammatorio riducendo dolori mestruali e quel senso di malessere generale. Ed infine anche la calendula officinalis, potente antidismenorroico, utilizzato sotto forma di soluzione idroalcolica già prima del ciclo, avrà un effetto calmante.

3) Seguiamo una regolare attività fisica.
Diversi studi evidenziano come una regolare attività fisica sia fondamentale per combattere i dolori mestruali in quanto aumenta la produzione di endorfine utili per alleviare tale sintomatologia; praticare un’attività sportiva costante aiuta anche ad eliminare ansia e tensione ed allo stesso tempo aumenta i livelli di serotonina fondamentali per mantenere l’umore stabile.
Quindi pratichiamo jogging, una passeggiata veloce, una corsetta in bicicletta o del nuoto come utile esercizio fisico per ridurre i sintomi premestruali e donare regolarità al ciclo. In particolare contro spasmi e dolori mestruali, lo yoga risulta molto efficace. Questa disciplina dona sollievo durante le fasi di questo disturbo, aiuta a rilassare la muscolatura uterina e a ridurre la tensione addominale grazie all’incremento del flusso di sangue ai tessuti e ad un maggiore ossigenazione degli stessi.
Ottimi sono anche alcuni “rimedi della nonna” come massaggiare la zona addominale con impacchi caldi di olio di ricino quando il dolore è forte; oppure porre una borsa d’acqua calda sul basso addome per un’azione antidolorifica. Il calore infatti produce un maggior afflusso di sangue all’utero favorendo il rilassamento della sua muscolatura e la riduzione delle contrazioni.

In conclusione seguire tutte queste “indicazioni naturali” ci aiuterà a tenere sotto controllo la sintomatologia dolorosa della dismenorrea. Ma anche stavolta non trascuriamo lo stress che può influenzare la percezione del dolore. Quindi impariamo a gestire al meglio le tensioni emotive ed affidiamoci a tecniche di rilassamento per affrontare nel miglior modo possibile questo periodo doloroso per noi donne!

Articoli correlati
Rimedi naturali
Curcuma: proprietà e controindicazioni
Le mille proprietà della curcuma apportano benefici alla salute con poche controindicazioni.

Proprietà della boswellia serrata
Tutte le proprietà, le controindicazioni e i benefici della boswellia serrata, una pianta utile contro l'artrite reumatoide e infiammazioni.

Diabete, rimedi naturali
Il diabete é un problema che riguarda molte persone. Oltre alla medicina ufficiale è possibile impiegare alcuni rimedi naturali efficaci.

Mille proprietà della Centella
La centella asiatica è un erba officinale con molte proprietà. Vediamo quali sono le principali.

Glucomannano fa dimagrire
Cerchiamo di scoprire le proprietà e le controindicazioni del Glucomannano, la fibra che fa dimagrire.

Smagliature: ecco come eliminarle
Le "cicatrici" della pelle! Scopriamo cosa sono e come eliminarle .

Olio essenziale di tea tree oil
Tea tree oil: Vediamo nel dettaglio le proprietà e a cosa serve questo olio essenziale.

Melaleuca Alternifolia: olio essenziale
La Melaleuca alternifolia è una pianta australiana ricca di prorietà dalla quale si estrae l'olio essenziale noto con il nome di Tea tree oil .

Proprietà della griffonia
Nel caso di gambe stanche, gonfie o pesanti esistono molti rimedi naturali che possono davvero aiutarti. Scoprili adesso.

Burro di Karitè puro
Le proprietà del burro di karitè lo rendono unico per la bellezza della pelle del viso senza controindicazioni.

Proprietà della spirulina
E' una microalga alimentare impiegata da secoli. Ha mille proprietà benefiche ed ha poche controindicazioni.

Antiinfiammatori naturali
Erbe officinali e sostanze naturali contro i dolori articolari

Olio di Argan
L'oro dei berberi per la bellezza della pelle e dei capelli

Rosa mosqueta
Olio ricco di proprietà benefiche per la pelle, favorisce la rigenerazione cutanea

Olio di Borragine
La borragine è una pianta dai cui fiori a forma si estrae un importante olio ricco di proprietà. Vediamole.