Home >> Erbe officinali

Uncaria tomentosa proprietà

Potente immunostimolante, protettore del sistema immunitario e nei casi di artrite reumatoide e osteoartrite. Dalle foreste equatoriali per ristabilire lo stato generale di salute.

26/09/2012 |
Uncaria tomentosa proprietà immunostimolanti L’ Uncaria tomentosa (appartenente alla famiglia delle rubiaceae), è una pianta originaria del Sud America ed in particolare delle foreste di Colombia, Brasile e Perù. Il termine 'tomentosa', che significa 'peloso' sta ad indicare i peli lunghi sul mmargine inferiore della foglia.
Articoli correlati


Proprietà, impiego ed effetti collaterali dell'uncaria

Nelle foreste equatoriali l’alta densità di piante è tale da non permettere un  sufficiente passaggio della luce nelle zone più basse. Questa pianta, che può raggiungere i 5 m di altezza, ha perciò sviluppato alla base delle foglie due o tre strutture a forma di uncino (da cui il nome uncaria e da cui è nato il popolare nome dato dai dominatori spagnoli “uña de gato”), utilizzate per aggrapparsi alle piante limitrofe e raggiungere la sommità per catturare quanta più luce possibile.

Le popolazioni indio del Perù usavano l’Uncaria (la radice, corteccia e fiori) per rimettere in forza le persone e ristabilirne lo stato generale di salute.

Studi di laboratorio hanno mostrato come l’uncaria sia una fonte importante di molecole biologicamente attive come gli alcaloidi (tra cui oxindoli, irsutina e rincofillina), glicosidi, acido oleanolico, triterpeni e flavonoidi [1,7].





Uncaria tomentosa proprietà e effetti collaterali

La prima ricerca sostanziale riguardante l’Uncaria tomentosa risale agli anni 1970 e 1980 quando furono scoperti gli effetti di rafforzamento del sistema immunitario dovuto agli alcaloidi oxindoli che si trovano in questa specie.

Oggigiorno, nella medicina erboristica in tutto il mondo, l’uncaria è  conosciuta specialmente per le sue proprietà antinfiammatorie, immunostimolanti e immunomodulanti ma anche come agente antidolorifico e cicatrizzante.

Studi di laboratorio indicano che il meccanismo primario alla base dell’azione antinfiammatoria dell’uncaria possa essere ricondotto all’inibizione della produzione di molecole proinfiammatorie [8-10]. Un altro studio in vitro mostra che l’attività antiossidante e immunomodulante possa essere associata alle antocianine [11,12].

Per queste sue proprietà viene utilizzata sia nella profilassi sia come coadiuvante nella cura di diverse malattie con origine immunologica, di stati di infiammazione cronici di ogni genere, di dolori muscolo-articolari, di disturbi dell’apparato digestivo e di infezioni causate da herpes virus e retrovirus [13,14]. Per esempio il suo impiego è stato proposto contro gli stati infiammatori rilevati nelle articolazioni di persone affette da osteoartrite del ginocchio [15] poiché uno studio clinico su soggetti affetti da osteoartrite del ginocchio, mostra un’effettiva capacità dell’estratto di Uncaria nel ridurre i sintomi associati a questa patologia [16]. Inoltre, sembra essere utile come coadiuvante nella cura dell’ artrite reumatoide; alcuni soggetti trattati per 6 mesi, hanno mostrato bassi ma significativi segnali di miglioramento [17].

La medicina tradizionale lo utilizza anche per i dolori associati a gravidanza e parto.

Preparazioni standardizzate di Uncaria tomentosa sono state autorizzate  in varie parti di Europa, finalizzati soprattutto per i disturbi del sistema immunitario e come terapia adiuvante nei tumori per alleviare gli effetti collaterali di radio e chemioterapia (come perdita di capelli, perdita di peso, nausea, infezioni secondarie, e problemi alla pelle). Questo suo utilizzo è sostenuto da alcune ricerche che hanno scoperto che l’Uncaria può aiutare nella riparazione del DNA cellulare e impedire alle cellule di mutare. Le stesse hanno anche dimostrato che può aiutare a prevenire la perdita dei globuli bianchi e danni immunitari causati da molti farmaci chemioterapici [18-21].

Come effetti collaterali è stato osservato che una dose eccessiva può dare luogo a lievi disturbi a livello gastrointestinale come diarrea e dolori, che però scompaiono rapidamente dopo l’arresto dell’assunzione.

A causa dei suoi effetti immunostimolanti [22]. l’uncaria non deve essere utilizzata con i farmaci destinati a sopprimere il sistema immunitario, come la ciclosporina o altri farmaci prescritti in seguito ad un trapianto d'organo.



Bibliografia

1.Heitzman ME et al. Ethnobotany, phytochemistry and pharmacology of Uncaria (Rubiaceae) Phytochemistry. 2005 Jan;66(1):5-29

2.Montoro P, Carbone V, Quiroz Jde D, De Simone F, Pizza C. Identification and quantification of components in extracts of Uncaria tomentosa by HPLC-ES/MS. Phytochem Anal. 2004 Jan-Feb;15(1):55-64.

3.Lavault, M ., et al. “Alcaloides de l'Uncaria guianensis.” Planta Medica 1983; 47: 244–45.

4.Montenegro de Matta, S., et al. “Alkaloids and procyanidins of an Uncaria sp. from Peru.” Il. Farmaco. Ed. Sc. 1976; 31: 527–35.

5.Ozaki, Y., et al. “Pharmacological studies on Uncaria and Amsonia alkaloids.” Japanese Journal of Pharmacology (suppl.) 1980; 30:137pp.

6.Stuppner, H., et al. “HPLC analysis of the main oxindole alkaloids from Uncaria tomentosa.” Chromatographia 1992; 34(11/12): 597–600.

7.Wagner, H., et al. “Die Alkaloide von Uncaria tomentosa und ihre Phagozytose-steigernde Wirkung.” Planta Medica 1985; 51: 419–23.

8.Allen-Hall L. et al. Treatment of THP-1 cells with Uncaria tomentosa extracts differentially regulates the expression if IL-1beta and TNF-alpha. J Ethnopharmacol. 2006 Aug 3;

9.Allen-Hall L, Arnason JT, Cano P, Lafrenie RM.Uncaria tomentosa acts as a potent TNF-alpha inhibitor through NF-kappaB. J Ethnopharmacol. 2010 Feb 17;127(3):685-93.

10.Sandoval M et al.  Cat's claw inhibits TNFalpha production and scavenges free radicals: role in cytoprotection. Free Radic Biol Med. 2000 Jul 1;29(1):71-8.

11.Goncalves C. Et al. Antioxidant properties of proanthocyanidins of Uncaria tomentosa bark decoction: a mechanism for anti-inflammatory activity. Phytochemistry. 66(1):89-98, 2005.

12.Pilarski R, Zielinski H, Ciesiolka D, Gulewicz K. Antioxidant activity of ethanolic and aqueous extracts of Uncaria tomentosa (Willd.) DC. J Ethnopharmacol. 2006 Mar 8;104(1-2):18-23.

13.Lakin et al. (2006) Healing Supplements London: Reader's Digest

14.Brewer, S. (2010) The Essential Guide to Vitamins, Minerals and Herbal Supplements London: Constable Robinson

15.Hardin SR.Cat's claw: an Amazonian vine decreases inflammation in osteoarthritis. Complement Ther Clin Pract. 2007 Feb;13(1):25-8.

16.Piscoya J, Rodriguez Z, Bustamante SA, Okuhama NN, Miller MJ, Sandoval M. Efficacy and safety of freeze-dried cat's claw in osteoarthritis of the knee: mechanisms of action of the species Uncaria guianensis. Inflamm Res. 2001 Sep;50(9):442-8.

17.Mur E, Hartig F, Eibl G, Schirmer M. Randomized double blind trial of an extract from the pentacyclic alkaloid-chemotype of uncaria tomentosa for the treatment of rheumatoid arthritisJ Rheumatol. 2002 Apr;29(4):678-81.

18.Sheng Y, et al., “Treatment of chemotherapy-induced leukopenia in a rat model with aqueous extract from Uncaria tomentosa.” Phytomedicine 2000; 7(2): 137–43.

19.Sheng, Y., et al., “Enhanced DNA repair, immune function and reduced toxicity of C-Med-100, a novel aqueous extract from Uncaria tomentosa.” J. Ethnopharmacol. 2000; 69(2): 115–26.

20.Sheng, Y., et al., “DNA repair enhancement of aqueous extracts of Uncaria tomentosa in a human volunteer study.” Phytomedicine 2001; 8(4): 275–82.

21.Farias I, et al. Uncaria tomentosa stimulates the proliferation of myeloid progenitor cells. J Ethnopharmacol. 2 11 Sep 1;137(1):856-63. Epub 2011 Jul 8.

22.Firenzuoli F. et al. Farmacotossicologia e farmacodinamica di Immunox, un estratto titolato di Uncaria tomentosa (Willd.) DC. J. Phytother. 1, 1-15, 1997.

Erboristeria online

Rodiola.info è un sito di erboristeria, prodotti erboristici, informazioni salutistiche.

Rimedi naturali