Problemi di insonnia, ansia e depressione? La fitoterapia può essere di aiuto

Uno tra i maggiori problemi del nostro tempo é la depressione. Come l'ansia può interferire sulla qualità della vita a partire dal sonno. Vediamo quali sono i rimedi naturali utili.


Postato il: 09/02/2013


l sonno è una delle esperienze più rivitalizzanti e salutari che caratterizza l’esistenza di tutti gli esseri viventi. Quando siamo in grado di riposare bene ogni notte, il mondo intero sembra più luminoso. La mancanza di un sano sonno ristoratore è una vera e propria patologia nota come insonnia. E’ causato da diversi fattori tra cui disturbi emotivi (per esempio la perdita di una persona cara o un divorzio), squilibri fisici (come cambiare il proprio orario di lavoro), età, fattori ambientali (forti rumori insoliti durante la notte), abitudini di vita (abuso di alcool, fumo e caffè) ma anche da una componente genetica.

Rimedi naturali ed erbe officinali

I disturbi del sonno ed altre sintomatologie ad esso associate come depressione ed ansia, sono spesso associate ad uno sbilanciamento della quantità di serotonina, uno dei principali neurotrasmettitori del sistema nervoso, essenziale per trasferire i segnali nervosi da una cellula all’altra.
La serotonina è nota anche come “molecola della felicità” poiché positivamente coinvolta nella regolazione del tono dell'umore, del sonno (è infatti, a sua volta, il precursore della melatonina), dell’ansia, degli attacchi di panico, del senso di fame e del controllo dell’appetito [1]. Anni di studi scientifici hanno mostrato come uno scompenso dei livelli di serotonina sia coinvolto nell’insorgenza della depressione maggiore [2], insonnia, emicrania e disturbi del comportamento alimentare ossessivi/compulsivi.
Molti antidepressivi di sintesi, oggi in commercio, agiscono proprio aumentando i livelli di serotonina a livello cerebrale. La serotonina è sintetizzata nel corpo umano dal triptofano perciò nutrirsi con alimenti ricchi in triptofano rappresenta una naturale e rimedio ad eventuali carenze. Questo elemento purtroppo non si trova in quantità significative nella dieta e quindi eventuali carenze possono essere superate da un integrazione naturale con piante e cibi che ne sono ricchi.
Particolarmente indicati come fonti di troptofano sono carne e formaggi, ma sono indicati anche i legumi, i fagioli, le lenticchie ed i ceci. Anche il cacao, e di conseguenza la cioccolata, è una buona fonte.
Notevoli quantità di 5-idrossitriptofano (5-HTP), precursore naturale della serotonina, sono presenti in integratori a base di semi di Griffonia simplicifolia. Studi che hanno coinvolto il 5-idrossitriptofano hanno mostrato come questo composto sia efficace nel ridurre la depressione, l'ansia e l’insonnia, contribuendo al miglioramento generale del tono dell’umore [1,3,4].

La Griffonia simplicifolia
Originaria dell’Africa occidentale e meridionale, la griffonia é stata introdotta nella pratica erboristica occidentale solo in anni recenti. Nella tradizione africana la Griffonia viene impiegata come cibo dagli effetti afrodisisaci, o come antibiotico ( effetto della corteccia).
La Griffonia è di grande vantaggio in sindromi comuni come ansia e depressione, in cui vi è una carenza di serotonina. Viene anche considerata come un rilassante naturale. Questa sua proprietà è attribuibile proprio all’alto contenuto di 5-idrossitriptofano, che contribuisce ad aumentare i livelli di serotonina. Poiché la serotonina funge da precursore nella sintesi della melatonina (ormone che regola i cicli sonno-veglia), è chiaro come la griffonia possa contribuire ad alleviare problemi di insonnia e a migliorare la qualità del sonno.
Sono stati riportati alcuni effetti collaterali di modesta entità come costipazione, gas, nausea, sonnolenza soprattutto in soggetti che assumevano dosi elevate.

Griffonia, controindicazioni e avvertenze
Particolare attenzione è necessaria in caso di assunzione di altri antidepressivi, farmaci per il controllo del peso o rimedi a base di erbe per la depressione (come l’iperico), che non dovrebbero essere combinati. L’impiego di Griffonia con medicinali antidepressivi dovrebbe essere evitato in quanto può provocare ansia e aumento della frequenza cardiaca. E’ inoltre controindicata nei bambini o nelle donne incinte o in allattamento, come anche nelle persone con grave insufficienza epatica o renale. La griffonia semplicifolia non è l’unico rimedio naturale contro la depressione, l’ansia e l’insonnia.






Altri rimedi naturali
Camomilla (Anthemis nobilis): Camomilla è un erba sedativa conosciuta da molto tempo che può essere tranquillamente utilizzata da bambini e adulti. E’ comunemente usata in Europa, Sud America e Messico per l'insonnia, irrequietezza e irritabilità, soprattutto nei bambini.
Luppolo (Humulus lupulus): è un importante componente aromatizzante della birra, ma ha una lunga storia di utilizzo come sedativo. All'inizio del ‘900, il luppolo veniva utilizzato specificamente per l'insonnia causata da preoccupazioni o nevrastenia.
Lavanda (Lavandula officinalis): poche gocce di olio essenziale di lavanda aggiunto a un bagno prima di andare a dormire, è un semplice e piacevole rimedio contro i disturbi del sonno. Inoltre, l'olio può essere usato come olio impacco o massaggio o semplicemente inalato per alleviare l'insonnia.
Passiflora (Passiflora incarnata): La passiflora è un ottimo sedativo privo di effetti collaterali usato per problemi di sonno causati da preoccupazione mentale, eccessivo lavoro, stress o esaurimento nervoso.
Valeriana (Valeriana officinalis): negli Stati Uniti gli erboristi usano la valeriana per la sua azione sedativa contro l'insonnia, nervosismo e irrequietezza. E 'raccomandato per quei tipi di persone che hanno difficoltà ad addormentarsi perché riduce la latenza del sonno. Funziona bene in combinazione con altre erbe calmanti, come Papavero della California, zucchetto, luppolo, e fiore della passione.
Papavero della california (Eschscholzia californica): è un erba sedativa che favorisce il rilassamento, migliora sia la latenza sia la qualità del sonno (Bruneton, 1995). E’ un efficace rimedio naturale contro l'ansia mite. Può essere tranquillamente somministrato a bambini.
Erba di San Giovanni (Hypericum perforatum): questo fiore dai petali gialli può contribuire ad alleviare l'insonnia cronica e depressione lieve, se connessi a certi squilibri chimici del cervello.
Melatonina: La melatonina è un ormone umano che è sempre più popolare come integratore per favorire il sonno, soprattutto nelle persone che viaggiano e soffrono il jet lag (desynchronosis).
Piccoli accorgimenti che riguardano la vita quotidiana e le abitudine alimentari, associati a tecniche di rilassamento (come ad esempio, il biofeedback, la meditazione, lo yoga, il rilassamento muscolare progressivo o un massaggio per preparare la mente e il corpo al sonno) sono consigliabili per beneficiare al massimo delle proprietà rilassanti e anti ansiolitiche dei fitoterapici discussi nel presente articolo.

Alcuni esempi:
Disporre la camera da letto in modo che sia un ambiente confortevole. Isolarla da suoni e la luce il più possibile, utilizzando tappeti e tende; tappi per le orecchie e mascherine per gli occhi possono essere di grande aiuto (il buio stimola la produzione di melatonina).
Mantenere nella stanza una temperatura moderata, soprattutto in inverno: il calore eccessivo e l’aria secca disturbano il sonno.
Evitare sonnellini più di un'ora dopo le 4:00 del pomeriggio.
Evitare l'alcool, tabacco e bevande contenenti caffeina (soprattutto la sera). Anche se l'alcol può aiutare ad addormentarsi, successivamente provoca un sonno frammentato.
Se non si riesce a prendere sonno, non arrabbiarsi; è consigliabile nascondere l'orologio ed impegnarsi in un'altra attività come la lettura o la televisione.

Bibliografia

Carnevale G, Di Viesti V, Zavatti M, Benelli A, Zanoli P. Influence of Griffonia simplicifolia on male sexual behavior in rats: behavioral and neurochemical study. Phytomedicine. 2011 Aug 15;18(11):947-52.

Agren H, Reibring L, Hartvig P, Tedroff J, Bjurling P, Hörnfeldt K, Andersson Y, Lundqvist H, Långström B. Low brain uptake of L-[11C]5-hydroxytryptophan in major depression: a positron emission tomography study on patients and healthy volunteers. Acta Psychiatr Scand. 1991 Jun;83(6):449-55.

Carnevale G, Di Viesti V, Zavatti M, Zanoli P. Anxiolytic-like effect of Griffonia simplicifolia Baill. seed extract in rats. Phytomedicine. 2011 Jul 15;18(10):848-51.

Kahn RS, Westenberg HG. L-5-hydroxytryptophan in the treatment of anxiety disorders. J Affect Disord. 1985 Mar-Apr;8(2):197-200.