Olio di borragine: mille proprietà salutistiche

La borragine è una pianta dai cui fiori a forma si estrae un importante olio ricco di proprietà. Vediamole.


Postato il: 29/10/2013


La borragine è una pianta molto gradevole, con fiori a forma di stella di una particolare sfumatura tra il blu e il violetto. Ma non è solo una pianta ornamentale, perché se i fiori sono belli, i suoi semi sono decisamente utili. E’ infatti dai semi della borragine che si estrae l’olio, ricchissimo di proprietà benefiche per l’organismo e in particolare per la pelle, grazie ai principi attivi che contiene e alla sua capacità di contrastare i segni dell’invecchiamento. La sua azione è efficace sia a livello preventivo che curativo e l’utilizzo è caldamente consigliato nei casi di pelle secca, disidratata o denutrita.

Proprietà dell'olio di borragine

Le proprietà dell’olio di borragine erano note già nell’antichità, addirittura all’epoca dell’impero romano l’olio veniva aggiunto al vino durante i banchetti, poiché si riteneva che portasse allegria. Al giorno d’oggi gli effetti dell’olio di borragine sull’umore non trovano riscontro scientifico, ma senz’altro dopo un massaggio con l’olio di borragine si beneficia di una buona dose di serenità.

L’olio di borragine è disponibile sia nella classica boccetta, sia in forma di perle, che contengono proprio l’olio e hanno una consistenza leggermente gelatinosa. Per le modalità d’uso dell’olio di borragine è bene ricorrere al consiglio dell’erborista. Generalmente se si acquista un prodotto già confezionato, in cui l’olio di borragine è già stato diluito e lavorato in modo da apportare benefici all’epidermide nel rispetto della sua delicatezza, non ci sono problemi legati alla sicurezza d'uso.

Olio di borragine per uso esterno
L’olio essenziale di borragine può essere utilizzato sia per via esterna che per via interna. Nel primo caso è finalizzato alla cura della pelle e soprattutto dei danni provocati dai radicali liberi, mentre nel secondo interviene sulla situazione ormonale, in veste di normalizzatore. L’utilizzo esterno, nello specifico, avviene per la cura di due tipi di problemi: i radicali liberi e l’eccessiva produzione sebacea.

Radicali liberi. L’olio di borragine può essere definito un antiossidante naturale grazie alla presenza nella sua composizione di alcuni grassi polinsaturi che, per loro natura, sono l’ideale per contrastare la formazione e l’avanzamento dei radicali liberi. In questo modo aiuta a scongiurare i rischi correlati al fisiologico logoramento della pelle: la pelle secca e le rughe di età e di espressione sono le prime a beneficiare dell’azione riparatrice dell’olio di borragine. All’olio di borragine si riconoscono infatti importanti proprietà nella battaglia contro i radicali liberi, i principali responsabili della degenerazione cellulare e dell’invecchiamento della pelle.
La pelle del viso è la prima a beneficiare dell’azione positiva dell’olio di borragine, proprio perché è la più esposta e come tale manifesta subito i segni lasciati dai radicali liberi, congiuntamente ad altri fattori quali l’età, lo stress, l’inquinamento ambientale. Quali sono le frecce nell’arco dell’olio di borragine? La capacità di offrire alla pelle costante idratazione e di regolare la produzione di sebo: in questo modo la pelle, messa al riparo dal rischio di secchezza e dell’accumulo di impurità, arriva in certo senso ‘preparata’ all’incontro con i radicali liberi. Con un trattamento preventivo e costante a base di olio di borragine, la pelle diventa più elastica e compatta, e le rughe riescono con maggior fatica a farsi strada. Il merito è anche della vitamina E, che l’olio di borragine contiene in buona quantità, ed è fondamentale per la salute della pelle perché ne contrasta l’invecchiamento e aiuta a mantenerla nutrita e idratata, con buona pace dei radicali liberi.

Eccesso di sebo. L’olio di borragine vanta anche proprietà antinfiammatorie, particolarmente utili per la cura di patologie della pelle come la dermatite seborroica. La sua capacità di normalizzare la produzione sebacea aiuta infatti a stemperare l’infiammazione che, oltre all’accumulo di sebo, può portare a problemi più seri, quali appunto la dermatite e l’acne. In questi casi il trattamento con l’olio di borragine è fondamentale in fase preventiva, quando ci si accorge che la pelle tende a produrre troppo sebo e ha bisogno di aiuto per ritrovare l’equilibrio. Ma la sua efficacia si esprime anche nella cura di alcune patologie cutanee piuttosto serie, come le macchie dell’epidermide, le dermatiti seborroiche e da contatto, l’acne giovanile, le forme leggere di psoriasi. In
questa veste l’olio di borragine è importante perché agisce sui due fronti della protezione interna ed esterna, in quanto le forme acneiche e l’eccessiva produzione sebacea dipendono in elevata percentuale a squilibri ormonali. Grazie all’olio di borragine non si cerca di seccare e idratare la pelle solo dall’esterno, con massaggi e applicazione, ma anche di intervenire con l’assunzione di fitoestrogeni, che nell’olio estratto dai semi della borragine sono presenti in buona quantità.

Olio di borragine per uso interno.
Per uso interno, l’olio di borragine prevede tre campi di applicazione: gli squilibri ormonali, la produzione di latte materno e la cura delle patologie cardiovascolari.

Squilibri ormonali. I fitoestrogeni naturali sono degli estrogeni contenuti nelle piante che aiutano a regolarizzare la condizione ormonale della donna, in particolare quando è caratterizzata da una forte irregolarità. Tutti i problemi legati al ciclo mestruale, sia nel periodo pre che nel post, possono trarre beneficio dall’utilizzo di sostanze naturali come l’olio di borragine, ricco appunto di quei fitoestrogeni che possono agire come regolatori. L’assunzione per via interna dell’olio di borragine avviene attraverso le perle, che vengono prescritte rigorosamente dallo specialista per il controllo e la cura dei disturbi ormonali, con dirette ripercussioni sulle condizioni della pelle. Se l’epidermide non ha grossi problemi ma si soffre di amenorrea, ad esempio, con le perle di olio di borragine il ciclo mestruale si normalizza e la pelle acquista maggiore luminosità.

Latte materno. Dal momento che i fitoestrogeni stimolano la produzione degli ormoni, si hanno dirette ripercussioni anche in casi delicati come l’allattamento al seno. Non sempre il latte materno ‘scende’ immediatamente dopo il parto o si presenta nella quantità necessaria  per nutrire al meglio il neonato, e in questi casi l’olio di borragine può essere di aiuto, grazie alla sua naturale capacità di intervenire sulla situazione ormonale. Se il latte è poco, grazie alle perle di olio di borragine può incrementarsi in poco tempo, e si ottiene anche un ulteriore vantaggio: le perle di borragine sono infatti usate anche per rassodare il seno, sempre grazie agli ormoni vegetali che contengono. Di conseguenza si possono avere due benefici allo stesso tempo, ed entrambi importanti per la cura della femminilità di ogni donna, dal punto di vista estetico e della salute.

Patologie cardiovascolari. L’olio di borragine si rivela utile anche per la cura dei disturbi cardiovascolari perché riesce a stimolare la riproduzione nelle prostaglandine, che sono fondamentali per la circolazione sanguigna. La loro presenza, in eccesso o in difetto, può contribuire alla vasodilatazione o vasocostrizione, ed è quindi importante che siano presenti nella misura giusta. In quest’ottica, se le perle di borragine riescono a normalizzarne la produzione, il sistema cardiocircolatorio non può che trarne beneficio, anche nell’ottica della prevenzione dei rischi cardiovascolari.