Vene varicose rimedi naturali

Attenzione : strade tortuose attraversano le nostre gambe. Sono vene varicose ! Varix significa storto, come storto e tortuoso appare, in taluni casi, il cammino che il nostro sangue deve percorrere per tornare al cuore.


Postato il: 19/03/2013


Cosa sono le vene varicose ?
Sono vene presenti a livello degli arti inferiori, che a causa della gravidanza, del sovrappeso, dello stazionamento per molte ore in piedi, subiscono delle modificazioni, che possono essere solo estetiche oppure anche funzionali. Tutti i fattori elencati, infatti, oltre che peggiorare l'estetica della gamba con evidenti vasi rossastri o bluasti serpeggianti, possono portare ad una riduzione nella funzionalità delle valvole che dovrebbero permettere un rapido ritorno venoso di sangue al cuore, impedendone il reflusso verso le caviglie. Quando invece queste valvole non funzionano correttamente si ha reflusso e ristagno di sangue e liquidi nella porzione distale degli arti inferiori con conseguente gonfiore, pesantezza, possibili crampi notturni. La pelle delle gambe, soprattutto dal ginocchio al piede, può assumere anche una colorazione rosso scuro, indice proprio di cattiva circolazione.

Rimedi naturali alle vene varicose

Nei casi più gravi è necessaria una visita medica per evidenziare le cause del problema ed essere indirizzati dallo specialista più idoneo. Nei casi più lievi, nei quali abbiamo manifestazione di gonfiore alle caviglie, insofferenza o dolore alle gambe allo stare troppo in piedi, comparsa di piccoli capillari evidenti a livello superficiale, possiamo utilizzare integratori naturali che migliorano la circolazione, irrobustiscono la parete dei vasi, riducono il ristagno di liquidi.

Centella, rusco, vite rossa sono tutte piante amiche della nostra circolazione, che migliorano microcircolo e circolazione venosa. Sono molto efficaci anche in caso di emorroidi, vene varicose situate all'interno del retto o intorno all'ano.

Coloro che stanno a lungo in piedi, che hanno lievi problemi circolatori o presentano manifestazioni emorroidarie troveranno beneficio anche nell'utilizzo di diosmina, un glicoside flavonoico naturale appartenente alla classe dei bioflavonoidi. Sono molecole importanti, naturali, capaci di agire positivamente a livello dell'apparato cardiovascolare e proteggere la parete vascolare.

Nel caso in cui il problema maggiore sia rappresentato dall'accumulo di liquidi a livello di caviglie o ginocchia si deve rivolgere l'attenzione verso piante con una maggiore attività drenante e depurativa come tarassaco, betulla, gambo d'ananas, meliloto, equiseto, ortosifon. Anche l'applicazione locale di creme o gel ad azione flebotonica migliora la sintomatologia e dà grande sollievo, soprattutto per coloro che alla sera hanno gambe arrossate e calde. Si consiglia di applicare queste creme dopo una doccia tiepida, dirigendo il getto dell'acqua sulle gambe, in modo da effettuare un massaggio. Dopodichè si applica la crema, massagiando delicatamente fino ad assorbimento, dal piede verso il ginocchio.

Nel letto la parte dei piedi dovrebbe essere più alta rispetto al resto del corpo, in modo da permettere un completo riassorbimento dei liquidi durante la notte, sgonfiare le caviglie e facilitare la circolazione.

Possiamo avere un aiuto anche dall'alimentazione?
Come sempre l'alimentazione è un compendio indiscutibile perchè i benefici di qualsiasi terapia siano più rapidi e durevoli nel tempo. I cibi che non devono mancare sulla tavola di chi soffre di disturbi circolatori sono :   

- gli agrumi, ricchi di vitamina C,   
- l'aglio, che facilita la circolazione e la depurazione del sangue,   
- i mirtilli, efficaci nella protezione della microcircolazione,   
- le crucifere ( come i broccoli o il cavolo verza ), antiossidanti indispensabili,       
- i legumi, fonti di fibre che aiutano a tenere puliti vasi ed intestino.

E l'attività fisica quanto è importante?
Se vogliamo che le nostre gambe siano toniche, elastiche, che il ristagno di liquidi si riassorba con maggiore facilità, che sia minore il senso di stanchezza e pesantezza la sera, dobbiamo concederci qualche ora di attività fisica alla settimana. Possiamo fare un po' di corsa, camminare, nuotare, fare stretching.


Anche l'abbigliamento può fare la differenza
Certamente indossare tutto il giorno pantaloni estremamente attillati, decolletè tacco 12 o ballerine raso terra non aiuta il benessere delle nostre gambe. Destiniamo questi indumenti per occasioni particolari e saltuarie ed adottiamo invece quotidianamente un abbigliamento più comodo, in particolar modo pantaloni non troppo attillati e scarpe con un tacco di 3 cm.