Ecco come dimagrire velocemente

Valutazioni e rimedi davvero efficaci per dimagrire, anche se non proprio velocemente


Postato il: 01/07/2015


L'obesità è una malattia metabolica che è associata ad alterazioni fisiologiche che promuovono una maggiore adiposità (1). L’ eccesso di peso è di difficile risoluzione ed è anche promotore di malattie cardio-vascolari, ictus, diabete e problemi osteo-articolari (2). Per questo non dovrebbe essere unicamente considerato un "inestetismo" da trattare stagionalmente.
Si calcola che nei paesi occidentali maggiormente industrializzati la percentuale di persone in sovrappeso sia superiore al 30%. Ovvero  una persona su tre ha problemi di sovrappeso.

Ecco i nostri consigli

In Nord America ad esempio, paese da cui provengono mode, vizzi e nuove abitudini, é stato calcolato che il 34,9% della popolazione é in sovrappeso (3).

Se tale dato statistico fosse applicato all’Italia gli italiani in sovrappeso sarebbero quasi vent’uno milioni. Fortunatamente la nostra situazione è leggermente migliore, ma a causa di un aumento continuo di cibo spazzatura il numero di obesi in Italia è in costante aumento e destinato ad aumentare ancora di più.

Per rendere meglio l’idea di questo aumento basti pensare che il numero degli adolescenti in sovrappeso é quadruplicato negli ultimi trent’anni (4). Il problema è abbastanza grave: un adolescente obeso sarà quasi certamente un adulto obeso. Non è semplice retorica.

Dimagrire velocemente ? No grazie.


Esiste un meccanismo, noto con il nome di “fat point”,  che regola il peso corporeo di ogni individuo  e che viene in un certo senso memorizzato già dalla prima infanzia. E’ per questo che verso i bambini in eccesso di peso dovremmo avere un’attenzione maggiore: perchè poi sarà molto difficile - se non impossibile -  risolvere il loro problema.

E’ a causa del “fat point” che ogni tentativo di dimagrire velocemente si trasforma velocemente in un ritorno al peso corporeo iniziale, perchè questo meccanismo tende a mantenere la quantità di grasso “memorizzato”.

Il trucco per dimagrire in maniera stabile è eludere questo meccanismo. Ovvero dimagrendo in maniera lenta e continuativa. Facile a dirsi.

Dimagrire mangiando bene.


Per ogni essere vivente l’alimentazione rappresenta il carburante per vivere. Un eccesso alimentare rappresenta una “scorta di carburante” non utilizzata che si depositerà sotto forma di grasso.

In realtà però non sono sempre gli eccessi a causare gli accumuli, spesso é anche lo stile di vita. Infatti, senza una idonea attività fisica, ciò che non viene bruciato viene inevitabilmente depositato (5). Colpa anche della vita moderna che si è evoluta in un ambiente “comodo”: non abbiamo più necessità di fare sforzi o attività prolungate, oggi i lavori e gli impieghi sono perlopiù sedentari e l’attività fisica é spesso relegata al fine settimana o alla bella stagione quando si iniziano a pianificare le prime uscite in costume al mare.

Come dimagrire naturalmente ?


Adesso che hai tutti gli elementi utili per pianificare il tuo dimagrimento, puoi impostare una dieta dimagrante che sia duratura e stabile. E soprattutto che non sia la solita dieta yo-yo, quella che inizi ad ogni primavera e finisci con il finire dell’estate...

La prima cosa da fare è seguire un’ alimentazione che sia equilibrata. Inutile dire che dovrai ridurre gli eccessi. Ma non preoccuparti, non dovrai mangiare soltanto insalatine e frutta, dovrai semmai rivedere come, quanto e quando mangiare.

Ad esempio non tutti i momenti della giornata necessitano dello stesso “carburante”.
Dal punto di vista alimentare il risveglio è la parte più importante perchè il tuo  organismo necessita di maggiore energia. La mattina é il momento di maggiore dispendio energetico. Al contrario, la sera occorre un’alimentazione leggera dal momento che il tuo organismo durante la notte ha la sua minima attività.

In linea generale potremmo dire che ai pasti principali la tua alimentazione dovrebbe avere un rapporto 3:2:1 -

3 - un abbondante colazione;
2 - un pasto energetico ma facilmente digeribile;
1 - una cena leggera;

Inoltre non dovresti mai farti mancare uno spuntino a metà mattinata e a metà pomeriggio.  In tal caso la frutta è da preferirsi ai cibi preconfezionati, che se è vero che inibiscono gli attacchi di fame è anche vero che contengono molte sostanze (tra cui zuccheri e idrogenati in quantità ) che possono concorrere a ridurre i risultati sperati.

Piccoli trucchi per dimagrire


Occorre poi fare del movimento. Non é necessario scendere in strada ed iniziare a correre ogni mattina. Ma devi per forza rinunciare a piccole comodità per poter fare almeno un po’ di movimento e stimolare il metabolismo a bruciare gli eccessi.

Potresti per esempio ridurre l’uso della macchina nei piccoli spostamenti. Ridurre l’uso dell’ascensore per salire a pochi piani più sopra. Non prendere il carrello al supermercato quando la spesa lo consente.

Queste sono solo piccole idee che ti possono sembrare ridicole, ma se analizzi le tue abitudini giornaliere vedrai che riscontrerai piccole comodità delle quali potrai fare a meno a vantaggio di un po’ di movimento in più.

Certamente praticare dello sport, camminate medio lunghe a passo veloce, aerobica e palestra sarebbero da preferirsi, ma se hai intenzione di dimagrire in modo lento e duraturo è meglio iniziare dall’inizio :)


Prodotti dimagranti e rimedi naturali


Non esistono prodotti dimagranti. O meglio: esistono integratori alimentari che possono risultare utili quando abbinati ad una strategia pdimagrante. La dicitura di tali prodotti indicata dal ministero della salute é “COADIUVANTI DI DIETE PER IL CONTROLLO E LA RIDUZIONE DEL PESO” (6).

Di tali integratori ne esistono principalmente tre tipi:
prodotti che riducono l’appetito
prodotti che riducono l’assorbimento dei nutrienti e facilitano il transito intestinale
prodotti che aiutano a stimolare la termogenesi ed il metabolismo


Alla categoria “riducono l’appetito” appartengono il glucomannano, la griffonia e la rodiola rosea. I meccanismi di azione di queste erbe officinali sono diversi.

Glucomannano. E’ un polisaccaride estratto dalla pianta amorphophallus konjac che si presenta come polvere bianca e che ha la caratteristica che a contatto con l’acqua crea una mucillagine che rigonfia nell’intestino, generando così una riduzione del senso di fane. Essendo una fibra facilita il transito intestinale.

Griffonia e Rodiola rosea. Sono erbe officinali molto differenti tra loro, il loro meccanismo però, pur non essendo identico è molto simile. Entrambe le erbe aumentano i livelli di serotonina nel sistema nervoso centrale. E’ noto da tempo che in alcuni stati di leggera depressione, o depressione stagionale, il nostro organismo ha un eccessivo desiderio di carboidrati. Con l’impiego di queste erbe officinali tale necessità di carboidrati viene inibita con effetti diretti sui depositi di grassi.

Erbe officinali che riducono l’assorbimento dei nutrienti
Tra le erbe che riducono l’assorbimento dei nutrienti ci son quelle ricche di fibre. Il Glucomannano, già citato in precedenza, riduce l’assorbimento. Questa caratteristica è anche indicata tra le controindicazioni perchè può appunto ridurre o annullare l’efficacia dei farmaci.

La Faseolamina, sostanza estratta dal baccello di fagiolo, attraverso un meccanismo legato all'alfa-amilasi pancreatica, inibisce il funzionamento di tale enzima in modo da impedire la digestione degli amidi. In questo modo il rilascio degli zuccheri nell'intestino avviene gradualmente e non si ha il picco glicemico postprandiale.


Erbe officinali che aiutano a stimolare la termogenesi ed il metabolismo
Sono molte. Di particolare interesse per la loro efficacia sono : Citrus aurantium, Caffè verde e Alha wakame.

Citrus aurantium. E’ l’arancio amaro,  dalla scorza del frutto immaturo si ottiene un estratto estremamente ricco di sinefrina, una sostanza ad attività simpaticomimetica che aiuta ad accelerare il metabolismo con il vantaggio di poter usare i grassi a fini energetici, che così non finiscono nei fianchi. Recenti studi ne hanno confermato l’efficacia,  in particolare quando abbinato a Rhodiola rosea (7). Il citrus aurantium in compresse lo si trova in erboristeria titolato in sinefrina.

Fucoxantina. E’ un pigmento estratto dall’alga wakame che si è rivelato davvero molto interessante. Esistono decine di studi che promuovono questo pigmento come aiuto contro il peso corporeo (8).  Secondo alcuni studi sui roditori eseguiti in Giappone il suo meccanismo di azione sembrerebbe legato ad una proteina chiamata UCP1. Questa proteina stimola l'impiego dei grassi a scopo termogenetico, in particolare l'impiego avviene sui grassi addominali (9).

Caffè verde. Il caffè verde non è altro che il normale caffè che non ha subito alcun processo di torrefazione. Il principio attivo interessante del caffè che non é stato tostato è l’acido clorogenico, una miscela di polifenoli composti che sono contenuti per il 7-9% nel chicco, contro il 1% della caffeina. L’acido clorogenico viene distrutto durante la torrefazione  (10).   E’ stato dimostrato che una miscela di caffeina e acido clorogenico manifesta una marcata azione nella riduzione dei grassi viscerali e nel peso corporeo (11).

Buon dimagrimento  !!!






Bibliografia

1 - Excess visceral adiposity induces alterations in mitochondrial function and energy metabolism in esophageal adenocarcinoma. Lynam-Lennon N, Connaughton R, Carr E, Mongan AM, O'Farrell NJ, Porter RK, Brennan L, Pidgeon GP, Lysaght J, Reynolds JV, O'Sullivan J1.


2 - Citrus aurantium and Rhodiola rosea in combination reduce visceral white adipose tissue and increase hypothalamic norepinephrine in a rat model of diet-induced obesity.  Jessica L. Verpeut,Amy L. Walters, and Nicholas T. Belloa


3 - Prevalence of Childhood and Adult Obesity in the United States, 2011-2012. Cynthia L. Ogden, PhD1; Margaret D. Carroll, MSPH1; Brian K. Kit, MD, MPH1,2; Katherine M. Flegal, PhD1


4 - Childhood Obesity Facts.  Center of disease control and prevention


5 - L'obesità, uno dei principali problemi di salute pubblica, è causata nella maggior parte dei casi da stili di vita scorretti; è quindi una condizione ampiamente prevenibile. Ministero della Salute.


6 - DIPARTIMENTO SANITA’ PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI . DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE. UFFICIO IV DELL’EX MINISTERO DELLA SALUTE. Ministero della Salute.


7 - Citrus aurantium and Rhodiola rosea in combination reduce visceral white adipose tissue and increase hypothalamic norepinephrine in a rat model of diet-induced obesity. Verpeut JL1, Walters AL, Bello NT.


8 - Fucoxanthin, a Marine Carotenoid Present in Brown Seaweeds and Diatoms: Metabolism and Bioactivities Relevant to Human Health. Juan Peng, Jian-Ping Yuan, Chou-Fei Wu, Jiang-Hai Wang


9 - Maeda H, Hosokawa M, Sashima T, Miyashita K; Dietary combination of fucoxanthin and fish oil attenuates the weight gain of white adipose tissue and decreases blood glucose in obese/diabetic KK-Ay mice;


10 - A Randomised Placebo-Controlled Trial to Differentiate the Acute Cognitive and Mood Effects of Chlorogenic Acid from Decaffeinated Coffee. David A. Camfield,Beata Y. Silber,Andrew B. Scholey,Karen Nolidin,Antionette Goh,Con Stough1


11 - Inhibitory effect of green coffee bean extract on fat accumulation and body weight gain in mice. Hiroshi Shimoda, Emi Seki, Michio Aitani